Termini e condizioni d’uso di Spotify

In vigore da 01 novembre 2016

1 Introduzione
2 Variazione degli Accordi
3 Utilizzo di Spotify
4 Diritti riconosciuti da Spotify agli utenti
5 Applicazioni di terze parti
6 Contenuti generati dagli utenti
7 Diritti riconosciuti dagli utenti a Spotify
8 Linee guida per gli utenti
9 Violazione e segnalazione di contenuti utente
10 Limitazioni e variazioni del Servizio
11 Account dei marchi
12 Comunità di supporto Spotify
13 Assistenza clienti
14 Controllo sull’esportazione
15 Pagamenti, cancellazioni e ripensamenti
16 Termine e annullamento
17 Garanzia e disconoscimento di responsabilità
18 Limitazioni
19 Diritti di terze parti
20 Intero accordo
21 Separabilità e derogabilità
22 Assegnazione
23 Indennizzo
24 Scelta di giurisdizione, arbitrato obbligatorio e corte
25 Contatti

Buongiorno e benvenuti nei nostri Termini e condizioni d’uso. Questi sono una parte importante che riguarda i diritti legali degli utenti, pertanto si prega di leggere attentamente questa Sezione, la nostra Informativa sulla privacy e gli altri termini referenziati in questo documento. Ci auguriamo che siate seduti comodamente ad ascoltare della buona musica. Iniziamo…

1 Introduzione

Grazie per avere scelto Spotify (“Spotify”, “noi”, “nostro”). Abbonandovi o altrimenti usando il Servizio Spotify, siti Web e applicazioni software (collettivamente il “Servizio Spotify” o il “Servizio”), oppure accedendo a qualsiasi contenuto o materiale reso disponibile da Spotify tramite il Servizio (il “Contenuto”), l’utente sottoscrive un contratto vincolante con l’entità Spotify indicata alla fine di questo documento. Il Servizio Spotify comprende anche la Comunità di supporto Spotify, come ulteriormente descritto nella sezioneComunità di supporto Spotify.

Il Servizio Spotify comprende funzionalità sociali e interattive. L’uso del Servizio Spotify si basa su alcuni requisiti tecnici.

L’accordo tra noi e gli utenti comprende questi Termini e condizioni d’uso (i “Termini”) e la nostra Informativa sulla privacy. (Termini, Informativa sulla privacy ed eventuali termini aggiuntivi accettati dall’utente come illustrati nella sezione Intero accordo sono indicati collettivamente con il termine “Accordi”.) Qualora si desideri consultare i termini degli Accordi, la loro versione vigente è disponibile sul sito Web di Spotify. L’utente riconosce di aver letto, compreso e accettato gli Accordi, e di accettare di esservi vincolato. Qualora non si accettino (o non sia possibile rispettare) gli Accordi, l’utente non deve utilizzare il Servizio Spotify né i suoi Contenuti.

Si prega di leggere gli Accordi con attenzione.Gli Accordi riguardano informazioni importanti sui Servizi Spotify forniti ed eventuali costi, imposte e onorari fatturati da Spotify all’utente. Gli Accordi contengono informazioni su future variazioni agli Accordi, controlli di esportazione, rinnovi automatici, limitazioni della responsabilità, informazioni sulla privacy, una rinuncia al diritto di class action e la soluzione di controversie mediante arbitrato invece che in un tribunale.

Eventuali informazioni fornite dagli utenti durante la sottoscrizione dell’abbonamento possono essere corrette durante tale processo tornando alle schermate precedenti e modificando le informazioni errate.

Al fine di utilizzare il Servizio Spotify a accedere ai Contenuti, è necessario (1) avere 18 anni o più, oppure avere 13 anni o più e fornire il consenso di un genitore o tutore agli Accordi (tranne ove diversamente stabilito nella tabella che segue), (2) avere l’autorità di sottoscrivere un contratto vincolante con noi e non essere esclusi da fare ciò ai sensi delle leggi vigenti ed (3) essere residenti in un Paese in cui il Servizio è disponibile. L’utente promette inoltre di fornire a Spotify informazioni di registrazione vere, accurate e complete, e accetta di mantenerle sempre in tale stato.

I residenti dei seguenti Paesi devono consultare le limitazioni di età specifiche del proprio Paese nella seguente tabella:

Paese Requisiti di età
Cile, Ecuador, Paraguay, Perù È necessario avere 18 anni o più, oppure avere 15 anni o più e disporre del consenso di un genitore o tutore.
Brasile È necessario avere 18 anni o più, oppure avere 16 anni o più e disporre del consenso di un genitore o tutore.
Nicaragua, Taiwan È necessario avere 20 anni o più, oppure avere 13 anni o più e disporre del consenso di un genitore o tutore.
Bulgaria, Ungheria, Germania È necessario avere 18 anni o più, oppure avere 14 anni o più e disporre del consenso di un genitore o tutore.
Italia Per utilizzare il Servizio gratuito è necessario avere 13 anni o più. Per iscriversi per un Abbonamento a pagamento, è necessario avere 18 anni o più, oppure avere 13 anni o più e disporre del consenso di un genitore o tutore che sottoscriva il contratto per conto del minore.
Malaysia È necessario avere 18 anni o più, oppure se di età compresa tra 13 e 18 anni è necessario il consenso di un genitore o tutore che sottoscriva l’accordo per conto del minore.
Lituania Per utilizzare il Servizio è necessario avere 13 anni o più. Per sottoscrivere un Abbonamento a pagamento è necessario avere 18 anni o più, oppure avere 14 anni o più e disporre del consenso di un genitore o tutore. Per utenti di età compresa tra 13 e 18 anni, l’Accordo viene sottoscritto dal tutore.
Canada Per utilizzare il Servizio è necessario avere 13 anni o più. Per sottoscrivere un Abbonamento a pagamento è necessario essere maggiorenni nel proprio territorio/provincia di residenza, oppure avere 13 anni o più e disporre del consenso di un genitore o tutore.
Spagna Per utilizzare il Servizio gratuito è necessario avere 14 anni o più. Per iscriversi per un Abbonamento a pagamento, è necessario avere 18 anni o più, oppure avere 14 anni o più e disporre del consenso di un genitore o tutore che sottoscriva il contratto per conto del minore.

2 Variazione degli Accordi

Spotify può apportare modifiche agli Accordi occasionalmente e a propria discrezione. In caso di modifiche materiali agli Accordi, Spotify informerà gli utenti come appropriato in base alle circostanze, ad esempio visualizzando i comunicati importanti all’interno del Servizio o inviando un’e-mail. In alcuni casi Spotify informerà gli utenti anticipatamente, e il protrarsi dell’uso del Servizio dopo l’esecuzione delle modifiche costituirà l’accettazione delle modifiche da parte degli utenti in questione. Si prega pertanto di assicurarsi di leggere attentamente eventuali comunicazioni di questo tipo. Laddove non si desideri continuare a utilizzare il Servizio in conformità con la nuova versione degli Accordi, è possibile terminare gli Accordi contattandoci tramite il modulo di contatto del Servizio clienti.

3 Utilizzo di Spotify

Ecco alcune informazioni sui modi in cui è possibile utilizzare Spotify.

3.1 I nostri Servizi e Abbonamenti a pagamento

Spotify fornisce servizi in streaming che offrono una selezione di musica e altri contenuti. Alcuni Servizi Spotify sono forniti a titolo gratuito. Altri Servizi Spotify richiedono di effettuare il pagamento prima di potervi accedere. Attualmente i Servizi Spotify cui è possibile accedere dopo il pagamento sono indicati come “Servizi premium” e “Servizi illimitati” (complessivamente gli “Abbonamenti a pagamento”). Attualmente i Servizi Spotify che non richiedono alcun pagamento sono indicati con il termine “Servizi gratuiti”. Per saperne di più sui nostri servizi, visitare il nostro sito Web.

I Servizi illimitati possono non essere disponibili a tutti gli utenti. Spotify specificherà quali sono disponibili al momento della sottoscrizione dell’abbonamento ai servizi. In caso di annullamento o interruzione di un abbonamento ai Servizi illimitati (ad esempio per una variazione dei dati di pagamento), è possibile non essere in grado di attivare nuovamente l’abbonamento in questione. Notare che i Servizi illimitati possono essere interrotti laddove non sia più possibile addebitarli all’utente.

Per gli utenti che risiedono in Turchia, l’accesso ai Servizi gratuiti potrebbe essere limitato a uno specifico numero di ore di ascolto al mese.

3.2 Codici e altre offerte prepagate

Per gli utenti che hanno acquistato o ricevuto un codice, una carta regalo, un’offerta prepagata o un’altra offerta fornita o venduta da o per conto di Spotify per l’accesso a un Abbonamento a pagamento (“Codice”), a tale accesso al Servizio possono applicarsi termini e condizioni separati presentati insieme al Codice, e gli utenti accettano di rispettare tali termini e condizioni.

3.3 Periodi di prova

Di tanto in tanto, Spotify o altre società operanti per nostro conto possono offrire periodi di prova di Abbonamenti pagati per uno specifico periodo a titolo gratuito o con una tariffa ridotta (“Periodo di prova”). Spotify si riserva il diritto di stabilire, a propria assoluta discrezione, l’idoneità di un utente a un Periodo di prova e, ai sensi delle leggi vigenti, di ritirare o modificare in qualsiasi momento un Periodo di prova senza alcuna precedente comunicazione e senza responsabilità, nei limiti massimi consentiti dalla legge.

Per alcuni Periodi di prova, Spotify richiede di fornire i dati di pagamento per darvi inizio. AL TERMINE DI TALI PERIODI DI PROVA, POSSIAMO DARE AUTOMATICAMENTE INIZIO ALL’ADDEBITO DELL’ABBONAMENTO A PAGAMENTO APPLICABILE A PARTIRE DAL PRIMO GIORNO DOPO LA FINE DEL PERIODO DI PROVA, CON ADDEBITO RIPETUTO OGNI MESE. FORNENDO I PROPRI ESTREMI DI PAGAMENTO ALL’INIZIO DEL PERIODO DI PROVA, L’UTENTE ACCETTA QUESTO ADDEBITO TRAMITE QUESTI ESTREMI DI PAGAMENTO. QUALORA L’UTENTE NON DESIDERI ACCETTARE L’ADDEBITO, EGLI DEVE ANNULLARE L’ABBONAMENTO A PAGAMENTO APPLICABILE TRAMITE LA PAGINA DI ABBONAMENTO DEL PROPRIO ACCOUNT SPOTIFY, OPPURE TERMINARE IL PROPRIO ACCOUNT SPOTIFY PRIMA DELLA FINE DEL PERIODO DI PROVA. QUALORA NON DESIDERI CONTINUARE A RICEVERE ADDEBITI MENSILI REGOLARI, L’UTENTE DEVE ANNULLARE L’ABBONAMENTO A PAGAMENTO APPLICABILE TRAMITE LA PAGINA DI ABBONAMENTO DEL PROPRIO ACCOUNT SPOTIFY, OPPURE TERMINARE IL PROPRIO ACCOUNT SPOTIFY PRIMA DELLA FINE DEL PERIODO MENSILE IN CORSO. GLI ABBONAMENTI A PAGAMENTO NON POSSONO ESSERE TERMINATI PRIMA DELLA FINE DEL PERIODO GIÀ PAGATO E, TRANNE OVE ESPRESSAMENTE PREVISTO IN QUESTI TERMINI, SPOTIFY NON RIMBORSERÀ ALCUN COSTO ANTICIPATO. LA SEZIONE LIMITAZIONI DEFINISCE I TERMINI AGGIUNTIVI RELATIVI ALL’ANNULLAMENTO DI UN ABBONAMENTO A PAGAMENTO.

4 Diritti riconosciuti da Spotify agli utenti

Il Servizio Spotify e i relativi Contenuti sono di proprietà di Spotify o dei suoi licenzianti. Spotify concede agli utenti una licenza limitata, non esclusiva e revocabile per l’utilizzo del Servizio Spotify, e una licenza limitata, non esclusiva e revocabile per l’utilizzo personale, non commerciale e per scopi di intrattenimento dei Contenuti (la “Licenza”). Questa Licenza rimane in vigore fino alla sua scadenza e tranne se terminata dall’utente o da Spotify. L’utente promette e accetta di utilizzare il Contenuto solo per uso personale non commerciale e per scopi di intrattenimento, e che non ridistribuirà né trasferirà il Servizio Spotify o i Contenuti.

Le applicazioni software di Spotify e il Contenuto sono concessi all’utente su licenza, non venduti, e Spotify e i suoi licenzianti conservano la proprietà di tutte le copie di Applicazioni software Spotify e Contenuti, anche dopo l’installazione su personal computer, dispositivi palmari, tablet e/o altri dispositivi simili dell’utente (“Dispositivi”).

Tutti i marchi registrati, i marchi di servizio, i nomi depositati, i loghi, i nomi di dominio e qualsiasi altra funzionalità del marchio Spotify (“Caratteristiche del marchio Spotify”) sono proprietà esclusiva di Spotify o dei suoi licenzianti. Gli Accordi non concedono all’utente il diritto di utilizzare alcuna Caratteristica del marchio Spotify per usi commerciali o non commerciali.

L’utente accetta di rispettare le nostre Linee guida per gli utenti e di non utilizzare il Servizio Spotify, i Contenuti o loro parti in alcun modo non espressamente consentito dagli Accordi. Tranne per i diritti espressamente concessi all’utente ai sensi di questi Accordi, Spotify non concede all’utente alcun diritto, titolo o interesse su Servizio Spotify o Contenuti.

I software di terze parti (ad esempio librerie software open source) compresi nel Servizio Spotify sono concessi su licenza all’utente ai sensi degli Accordi o dei termini di licenza della libreria software della terza parte pertinente, come pubblicati nella guida o nella sezione Impostazioni del nostro software per computer desktop e client mobili e/o sul nostro sito Web.

5 Applicazioni di terze parti

Il Servizio Spotify è integrato con applicazioni di terze parti, siti Web e servizi (“Applicazioni di terze parti”) per rendere disponibili contenuti, prodotti e/o servizi agli utenti. Queste Applicazioni di terze parti possono disporre di propri Termini e condizioni d’uso e Informative sulla privacy, e il loro uso da parte dell’utente sarà regolato da e soggetto a tali Termini e condizioni e Informative sulla privacy. L’utente comprende e accetta che Spotify non promuove e non è responsabile di comportamento, funzionalità o contenuto di qualsiasi Applicazione di terze parti o di qualsiasi transazione che è possibile sottoscrivere con il fornitore di tali Applicazioni di terze parti.

6 Contenuti generati dagli utenti

Gli utenti di Spotify possono pubblicare, caricare e/o contribuire con (“pubblicare”) contenuti al Servizio, ivi compresi ad esempio immagini, testo, messaggi, informazioni, compilation sotto forma di playlist e/o altri tipi di contenuto (“Contenuto utente”). Per fugare ogni possibile dubbio, il termine “Contenuto utente” comprende qualsiasi contenuto pubblicato nella Comunità di supporto Spotify, oltre a qualsiasi altra parte del Servizio Spotify.

In relazione ai Contenuti utente pubblicati su Spotify, l’utente garantisce di (1) avere il diritto di pubblicare tale Contenuto utente e che (2) tale Contenuto utente, o il suo uso da parte di Spotify come contemplato negli Accordi, non viola Accordi, leggi vigenti o proprietà intellettuali (ivi inclusi e senza limitazione i copyright) pubblicamente o personalmente, o altri diritti di altre persone, né comporta alcuna iscrizione a o sponsorizzazione dell’utente o del suo Contenuto utente da parte di Spotify o di qualsiasi artista, gruppo musicale, etichetta, entità o persona fisica senza previo consenso scritto di tale persona fisica o entità.

Spotify può, ma senza alcun obbligo in tal senso, monitorare, rivedere o modificare il Contenuto utente. In ogni caso, Spotify si riserva il diritto di rimuovere o disattivare l’accesso a qualsiasi Contenuto utente, con o senza motivo, compresi in forma non limitativa i Contenuti utente che, a esclusiva discrezione di Spotify, violano gli Accordi. Spotify può intraprendere queste azioni senza previa comunicazione a utenti o terze parti. La rimozione o la disattivazione dell’accesso ai Contenuti utente deve avvenire a esclusiva discrezione di Spotify, e non promettiamo di rimuovere o disattivare l’accesso ad alcuno specifico Contenuto utente.

L’utente è l’unico responsabile di ogni Contenuto utente da lui pubblicato. Spotify non è responsabile dei Contenuti utente, né promuove alcuna opinione contenuta in qualsiasi Contenuto utente. QUALORA QUALCUNO PRESENTI UN RECLAMO CONTRO SPOTIFY IN RELAZIONE A UN CONTENUTO UTENTE PUBBLICATO, L’UTENTE ACCETTA, NEI LIMITI CONSENTITI DALLA LEGGE LOCALE, DI INDENNIZZARE E RITENERE SPOTIFY IMMUNE DA E IN RELAZIONE A TUTTI I DANNI, LE PERDITE E LE SPESE DI QUALSIASI GENERE (IVI INCLUSI RAGIONEVOLI ONORARI E SPESE LEGALI) DERIVANTI DA TALE RECLAMO.

7 Diritti riconosciuti dagli utenti a Spotify

In considerazione dei diritti concessi ai sensi degli Accordi, l’utente ci concede il diritto di (1) permettere al Servizio Spotify di utilizzare processore, larghezza di banda e hardware di archiviazione sul proprio Dispositivo per facilitare il funzionamento del Servizio, (2) fornire pubblicità e altre informazioni all’utente e (3) permettere ai nostri partner commerciali di fare lo stesso. Nell’ambito del Servizio Spotify, il Contenuto visualizzato dall’utente, compresi selezione e posizionamento, può essere influenzato da considerazioni commerciali tra cui eventuali accordi con terze parti. Alcuni Contenuti concessi in licenza o forniti a Spotify (ad esempio i podcast) possono contenere pubblicità come parte del Contenuto. In tali casi, Spotify metterà i suddetti Contenuti a disposizione degli utenti senza apportarvi alcuna modifica.

Se fornisce a Spotify feedback, idee o suggerimenti in relazione al Servizio Spotify o al Contenuto (“Feedback”), l’utente riconosce che tale Feedback non è riservato e autorizza Spotify a utilizzarlo senza alcuna limitazione né alcun pagamento a favore dell’utente in questione. Il Feedback è considerato un tipo di Contenuto utente.

L’utente concede a Spotify una licenza non esclusiva, trasferibile, subappaltabile, senza royalty, perpetua (o, nelle giurisdizioni in cui ciò non è consentito, per un termine pari alla durata degli Accordi più venti (20) anni), irrevocabile, completamente pagata e valida a livello mondiale a utilizzare, riprodurre, rendere disponibile al pubblico (ad esempio per un’esibizione o una mostra), pubblicare, tradurre, modificare, creare lavori derivati da e distribuire qualsivoglia Contenuto utente in relazione al Servizio e attraverso qualsiasi mezzo, sia da solo che in combinazione con altri contenuti o materiali, in qualsiasi modo e tramite qualsiasi mezzo, metodo o tecnologia, sia già noto che creato in seguito. Oltre ai diritti qui specificatamente concessi, l’utente mantiene la proprietà di tutti i diritti, compresi i diritti di proprietà intellettuale relativi al Contenuto utente. Ove applicabile e consentito dalla legge vigente, l’utente accetta anche di rinunciare a eventuali “diritti morali” (o equivalente ai sensi della legge vigente) come proprio diritto a essere identificato come autore di qualsiasi Contenuto utente, tra cui Feedback e diritto di opporsi a trattamento derogatorio di tale Contenuto utente.

8 Linee guida per gli utenti

Spotify rispetta i diritti di proprietà intellettuale e si aspetta che gli utenti facciano lo stesso. Spotify ha stabilito alcune regole base che gli utenti devono seguire quando utilizzano il Servizio per assicurarsi che Spotify rimanga un prodotto usufruibile da parte di tutti. Si prega di seguire queste regole e di incoraggiare gli altri utenti a comportarsi allo stesso modo.

Quanto segue non è permesso per alcun motivo:

  • copiare, ridistribuire, riprodurre, “estrarre”, registrare, trasferire, eseguire o mostrare in pubblico, trasmettere o rendere disponibile al pubblico una parte qualsiasi del Servizio Spotify o del Contenuto, o in alternativa fare qualsiasi uso del Servizio Spotify o del Contenuto che non sia espressamente permesso ai sensi degli Accordi o della legge vigente, o che altrimenti violi i diritti di proprietà intellettuale (come il copyright) di Servizio Spotify, Contenuto o qualsiasi loro parte;
  • utilizzare il Servizio Spotify per importare o copiare file locali per cui non si dispone dei diritti legali necessari per farlo in questo modo;
  • trasferire copie di Contenuti presenti nella cache da un Dispositivo autorizzato a qualsiasi altro Dispositivo tramite qualsiasi mezzo;
  • eseguire l’ingegnerizzazione inversa, decompilare, disassemblare, modificare o creare lavori derivati basati su Servizio Spotify, Contenuto o qualsiasi loro parte, tranne ove permesso dalla legge vigente;
  • aggirare qualsiasi tecnologia usata da Spotify, i suoi licenzianti o altre terze parti al fine di proteggere Contenuto o Servizio;
  • vendere, noleggiare, subappaltare o concedere in leasing qualsiasi parte del Servizio Spotify o del Contenuto;
  • aggirare eventuali restrizioni territoriali applicate da Spotify o dai suoi licenzianti;
  • aumentare in modo artificiale il conteggio delle riproduzioni, o manipolare i servizi in qualsiasi altro modo mediante script o altri processi automatizzati;
  • rimuovere o modificare copyright, marchi registrati o altre indicazioni di proprietà intellettuale contenuti in o forniti tramite il Servizio Spotify (compreso al fine di occultare o modificare eventuali indicazioni di proprietà o provenienza di qualsiasi Contenuto);
  • fornire la propria password ad altre persone, o utilizzare nome utente e password di altre persone;
  • eseguire il “crawling” all’interno del Servizio Spotify, o usare altri mezzi automatizzati (compresi bot, scraper e spider) per raccogliere informazioni da Spotify; o
  • vendere account utente o playlist, o altrimenti accettare qualsiasi compenso di natura finanziaria o di altro genere avente il fine di influenzare il nome di un account o una playlist o il contenuto incluso in un account o una playlist.

Si prega di rispettare Spotify, i proprietari del Contenuto e altri utenti del Servizio Spotify. Non impegnarsi in attività, pubblicare Contenuti utente o registrare e/o utilizzare un nome utente che sia o comprenda materiale:

  • offensivo, denigratorio, diffamatorio, pornografico, minaccioso o osceno;
  • illegale o concepito per promuovere o commettere atti illegali di qualsiasi genere, compresa in forma non limitativa la violazione di diritti di proprietà intellettuale, diritti alla privacy o diritti esclusivi di Spotify o terze parti;
  • volutamente contenente la propria password, la password di un altro utente o dati personali di terze parti, o concepito per sollecitare la concessione di tali dati personali;
  • maligno come malware, cavalli di Troia o virus, o altrimenti in grado di interferire con l’accesso degli utenti al Servizio;
  • concepito o in grado di causare disturbo o molestie ad altri utenti;
  • in grado di fingere o travisare la propria affiliazione con altri utenti, persone o entità, o altrimenti fraudolento, falso, ingannevole o fuorviante;
  • che fa uso di mezzi automatizzati per promuovere artificialmente un contenuto;
  • che comporti la trasmissione di messaggi di massa non richiesti o altre forme di spam (“spam”), posta indesiderata, catene di messaggi o simili, ivi incluso attraverso la casella in entrata di Spotify;
  • che comporti attività commerciali o di vendita, come pubblicità, promozioni, concorsi, lotterie o schemi a piramide, che non siano espressamente autorizzate da Spotify;
  • che colleghi, faccia riferimento o altrimenti promuova prodotti o servizi commerciali, tranne ove espressamente autorizzato da Spotify;
  • in grado di interferire con o interrompere in qualsiasi modo il Servizio Spotify, manomettere, violare o tentare di sondare, esaminare o sottoporre a prove di vulnerabilità il Servizio o i sistemi di computer o la rete di Spotify, le regole di utilizzo o qualsiasi altro componente di sicurezza, misura di autenticazione o altra misura di protezione di Spotify applicabile a Servizio, Contenuto o qualsiasi loro parte; o
  • che causi conflitti con gli Accordi, come stabilito da Spotify.

L’utente comprende e accetta che la pubblicazione di tale Contenuto utente può comportare la chiusura o la sospensione immediata del suo account Spotify. L’utente accetta anche che Spotify possa richiamare il suo nome utente per qualsiasi motivo.

Si prega di fare attenzione al modo in cui viene usato il Servizio Spotify e a ciò che si condivide. Il Servizio Spotify comprende funzionalità sociali e interattive, tra cui la capacità di pubblicare Contenuto utente, condividere contenuti e rendere pubbliche alcune informazioni personali. Si prega di ricordare che le informazioni condivise o pubblicamente disponibili possono essere utilizzate o ricondivise da altri utenti su Spotify o altrove nel Web, pertanto si prega di usare Spotify con cautela e di fare attenzione alle impostazioni del proprio account. Spotify non ha alcuna responsabilità in merito alla decisione dell’utente di pubblicare materiali sul Servizio.

La password protegge l’account utente, e l’utente è l’unico responsabile della sua conservazione in modo riservato e sicuro. L’utente comprende di essere responsabile di ogni uso del proprio nome utente e della propria password all’interno del Servizio. In caso di furto o smarrimento di nome utente o password, o se si ritiene che vi siano stati accessi non autorizzati al proprio account da parte di terze parti, si prega di comunicarlo immediatamente e di modificare la propria password il più presto possibile.

9 Violazione e segnalazione di contenuti utente

Spotify rispetta i diritti dei proprietari di proprietà intellettuali. Se si ritiene che un Contenuto violi i propri diritti di proprietà intellettuale o altri diritti, consultare la politica sul copyright di Spotify. Qualora venga informata da un titolare di copyright della violazione di un copyright da parte di un Contenuto, Spotify potrà intervenire a propria assoluta discrezione senza previa comunicazione al fornitore di tale Contenuto. Se ritiene che il contenuto in questione non causi alcuna violazione, il fornitore potrà presentare una contronotifica a Spotify con la richiesta di ripristinare il contenuto rimosso.

Se si ritiene che un Contenuto non rispetti le Linee guida per gli utenti, si prega di compilare il nostro modulo di segnalazione.

10 Limitazioni e variazioni del Servizio

Spotify farà sforzi ragionevoli per mantenere operativo il Servizio Spotify. Tuttavia, di tanto in tanto alcune difficoltà tecniche o operazioni di manutenzione possono causare interruzioni temporanee. Nei limiti previsti dalla legge vigente, Spotify si riserva il diritto di modificare o interrompere, periodicamente e in qualsiasi momento, e in modo temporaneo o permanente, funzioni e funzionalità del Servizio Spotify, con o senza preavviso e senza alcuna responsabilità nei confronti degli utenti, tranne ove proibito dalla legge, per eventuali interruzioni, modifiche o cessazioni del Servizio Spotify o di altre funzioni o funzionalità correlate. In deroga a quanto precede, se l’utente dispone di onorari anticipati per Abbonamenti a pagamento cessati in modo permanente da Spotify prima della fine del Periodo anticipato (come definito nella sezione Pagamenti, cancellazioni e ripensamenti), dopo tale cessazione Spotify rimborserà all’utente gli onorari anticipati per il periodo prepagato. L’utente comprende e accetta che Spotify non si assuma alcun obbligo di mantenere, supportare, migliorare o aggiornare il Servizio, né di fornire specifici contenuti tramite il Servizio. Questa sezione sarà applicata nei limiti massimi previsti dalla legge vigente. Di tanto in tanto, Spotify e/o i proprietari del Contenuto possono rimuovere tale Contenuto senza preavviso nei limiti previsti dalla legge vigente.

11 Account dei marchi

Laddove l’utente crei un account Spotify per conto di una società, organizzazione, entità o marchio (un “Marchio” e tale account un “Account del marchio”), i termini “utente” e “dell’utente” utilizzati nell’ambito degli Accordi si applicano sia all’utente che al Marchio, come pertinente.

Quando crea un Account del marchio, l’utente assicura e garantisce di essere autorizzato a concedere tutte le autorizzazioni e le licenze fornite negli Accordi e di vincolare il Marchio al rispetto degli Accordi.

11.1 Seguito

Il Marchio può seguire solo gli utenti che a loro volta seguono per primi il Marchio; e il Marchio non può intraprendere alcuna azione che comporti una sponsorizzazione o altro rapporto tra Marchio e utente seguito, tranne ove il Marchio abbia ottenuto in modo indipendente i diritti che consentono una tale sponsorizzazione. Un Marchio deve cessare di seguire un utente su richiesta di Spotify e a sua esclusiva discrezione.

11.2 Ascolto

Il Marchio non può diffondere media tramite streaming.

11.3 Invio di messaggi

Il Marchio può inviare messaggi solo a utenti che per primi inviano messaggi al Marchio.

11.4 Playlist e condivisione del Marchio

Il Marchio non può creare o condividere, sia all’interno del Servizio Spotify che altrove, playlist di Spotify contenenti una sponsorizzazione o un altro rapporto tra il Marchio e qualsiasi artista o altra parte, tranne ove il Marchio abbia ottenuto in modo indipendente i diritti relativi a tale sponsorizzazione. Per informazioni, i Marchi possono consultare le Linee guida per le playlist dei marchi di Spotify.

12 Comunità di supporto Spotify

La Comunità di supporto Spotify è un luogo in cui è possibile discutere e scambiare informazioni, suggerimenti e altri materiali relativi al Servizio Spotify. Al fine di utilizzare la Comunità di supporto Spotify, l’utente deve (1) disporre di un account Spotify esistente; e (2) autenticare il proprio account Spotify per l’uso nella Comunità di supporto (un “Account di supporto Spotify”). Le istruzioni su come creare un Account di supporto Spotify sono disponibili nella pagina di registrazione della Comunità. In aggiunta agli Accordi, durante l’uso della Comunità di supporto Spotify l’utente accetta anche di rispettare le Linee guida della Comunità di supporto di Spotify che riceverà al momento della registrazione (le “Linee guida della Comunità di supporto”). Qualora non accetti gli Accordi o le Linee guida della Comunità di supporto, l’utente non deve utilizzare la Comunità di supporto Spotify.

12.1 Account di supporto Spotify

Con la creazione di un Account di supporto Spotify, l’utente conferma che le informazioni di registrazione fornite a Spotify sono vere, accurate e complete, e si impegna a modificare tali informazioni in modo da mantenerle aggiornate. È severamente vietato inserire nel proprio profilo informazioni che suggeriscono che l’utente sia un dipendente o un moderatore di Spotify, o altrimenti impersonare un tale dipendente o moderatore durante l’uso della Comunità di supporto Spotify. L’utente comprende e accetta anche che Spotify potrà rimuovere o richiamare il suo nome utente in qualsiasi momento laddove Spotify, a sua assoluta discrezione, ritenga appropriato farlo.

12.2 Nessun supporto ufficiale

Nessun Contenuto utente o altro contenuto pubblicato sulla Comunità di supporto Spotify da dipendenti, moderatori e/o rappresentanti di Spotify deve essere considerato materiale di supporto ufficiale fornito da Spotify. Per ulteriori informazioni sul supporto ufficiale, consultare la Sezione Assistenza clienti. I contenuti forniti o resi disponibili all’utente sulla Comunità di supporto Spotify da dipendenti, moderatori e/o rappresentanti di Spotify sono forniti “così come sono” e senza alcun tipo di garanzia.

L’utente riconosce che le opinioni espresse nel Contenuto utente sulla Comunità di supporto Spotify sono esclusivamente quelle degli autori di tale Contenuto utente e non corrispondono alle opinioni o alle politiche di Spotify o di qualsiasi suo funzionario, azionista, dipendente, agente, direttore, consociata, filiale, fornitore o licenziante.

12.3 Programma di compenso

La Comunità di supporto Spotify dispone di un sistema di compensi in cui Spotify può, a sua esclusiva discrezione, premiare gli utenti in base alla quantità di “Kudo” ricevuti o alla qualità delle risposte raccolte. L’utente accetta di concedere Kudo solo ad altri utenti (e non a se stesso) e solo quando meritato, e di astenersi da qualsiasi tentativo di manipolare il sistema di compensi, ad esempio mediante la creazione di più account o risposte artificiali. L’utente accetta come finali e vincolanti le decisioni di Spotify in merito a qualsiasi compenso.

13 Assistenza clienti

Per ottenere l’assistenza clienti su domande riguardanti account e pagamenti (“Richieste all’Assistenza clienti”), si prega di inviare una nota al nostro ufficio Assistenza clienti tramite il modulo di contatto del Servizio clienti presente nella sezione Informazioni sulla Società del nostro sito Web. Spotify farà ogni tentativo ragionevole per rispondere a tutte le Richieste inviate all’Assistenza clienti entro un lasso di tempo ragionevole, ma non garantisce in alcun modo che le Richieste all’Assistenza clienti possano ricevere una risposta in un particolare lasso di tempo e/o che sia possibile rispondervi in maniera soddisfacente.

14 Controllo sull’esportazione

I prodotti di Spotify possono essere soggetti alle leggi e alle normative statunitensi per il controllo di esportazione e riesportazione o a leggi simili vigenti in altre giurisdizioni, tra cui le norme Export Administration Regulation (“EAR”) del Dipartimento del commercio USA, le sanzioni commerciali ed economiche previste dal Office of Foreign Assets Control (“OFAC”) del Dipartimento del tesoro USA e le norme International Traffic in Arms Regulations (“ITAR”) del Dipartimento di Stato USA. L’utente conferma di (1) non avere sede a Cuba o in Iran, Corea del Nord, Sudan o Siria; e (2) non essere una parte soggetta a sanzioni come specificato nelle normative elencate in precedenza.

L’utente accetta di rispettare tutte le leggi e le normative vigenti in materia di esportazione e riesportazione, ivi incluse le norme EAR, le sanzioni commerciali ed economiche previste da OFAC e le norme ITAR. In particolare, l’utente accetta di non vendere, esportare, riesportare, trasferire, deviare o altrimenti disporre, direttamente o indirettamente, di prodotti, software o tecnologie (compresi i prodotti derivati da o basati su tali tecnologie) ricevuti da Spotify nell’ambito degli Accordi per qualsiasi destinazione, entità o persona esclusa ai sensi delle leggi o delle normative vigenti di Stati Uniti o altra giurisdizione senza la previa autorizzazione delle competenti autorità di governo, come richiesto da tali leggi e normative. Questa clausola sul controllo delle esportazioni rimarrà in vigore anche in caso di conclusione o annullamento degli Accordi.

15 Pagamenti, cancellazioni e ripensamenti

Gli Abbonamenti a pagamento possono essere acquistati direttamente da Spotify o tramite una parte terza, come ad esempio una compagnia telefonica, sia (1) pagando un canone di abbonamento mensile; o (2) mediante pagamento anticipato per avere accesso al Servizio Spotify per uno specifico periodo di tempo (“Periodo anticipato”). In caso di acquisto di un Abbonamento a pagamento mediante un Codice, tale Abbonamento terminerà automaticamente alla fine del Periodo anticipato, oppure in presenza di un saldo anticipato insufficiente per pagare il Servizio.

Quando si registra per un Abbonamento a pagamento, un Periodo di prova o un Codice online, l’utente accetta di ottenere immediatamente l’accesso a Spotify Premium. Se risiede fuori dagli Stati Uniti e si registra per un Abbonamento a pagamento o un Codice online, l’utente può recedere dall’Accordo, con o senza motivo, e ricevere il rimborso completo di quanto pagato entro quattordici (14) giorni a partire dal giorno in cui ha attivato il relativo servizio (“Periodo di ripensamento”). Tuttavia, i rimborsi non saranno concessi laddove l’utente abbia utilizzato Spotify in qualsiasi momento durante il Periodo di ripensamento.

Tranne ove l’Abbonamento a pagamento sia stato acquistato come Periodo anticipato, il pagamento effettuato a Spotify (o alla terza parte tramite cui è stato acquistato l’Abbonamento a pagamento, ad esempio una società telefonica) sarà rinnovato automaticamente al termine del periodo di abbonamento, tranne ove l’utente annulli l’Abbonamento a pagamento mediante l’apposita pagina prima della fine del periodo di abbonamento in corso. L’annullamento avrà valore a partire dal giorno successivo all’ultimo giorno del periodo di abbonamento in corso, e l’utente sarà riportato al livello di Servizio gratuito. Tuttavia, Spotify non rimborserà alcun canone di abbonamento già pagato laddove l’utente annulli il proprio pagamento o Abbonamento a pagamento e/o termini uno degli Accordi (1) dopo aver utilizzato Spotify durante il Periodo di ripensamento, (2) dopo la fine del Periodo di ripensamento (ove pertinente) o (3) prima della fine del periodo di abbonamento in corso. Il metodo di rimborso dipenderà dal metodo utilizzato per il pagamento.

Per ricevere il rimborso completo di quanto pagato prima del termine del Periodo di ripensamento, l’utente deve contattare l’Assistenza clienti.

Se ha acquistato l’Abbonamento a pagamento tramite una terza parte, l’utente è soggetto parimenti ai termini contenuti nell’accordo con la terza parte medesima (in aggiunta a questi Termini). Per annullare l’abbonamento, l’utente deve rivolgersi direttamente alla terza parte.

Di tanto in tanto, Spotify può modificare il prezzo di Abbonamenti a pagamento, Periodo anticipato (per periodi non ancora pagati) o Codici e comunicherà in anticipo eventuali variazioni di prezzo e, se pertinente, come accettare tali variazioni. Le variazioni di prezzo per gli Abbonamenti a pagamento avranno efficacia a partire dal periodo di abbonamento successivo alla data della modifica. Ove consentito dalla legge locale, continuando a utilizzare il Servizio Spotify dopo l’entrata in vigore della variazione di prezzo, l’utente accetta il nuovo prezzo. Qualora decida di non accettare la variazione di prezzo, l’utente ha il diritto di rifiutarla annullando la propria sottoscrizione del Servizio Spotify prima che tale variazione entri in vigore. Si prega pertanto di assicurarsi di leggere attentamente eventuali comunicazioni relative alle variazioni di prezzo.

16 Termine e annullamento

Gli Accordi rimarranno in vigore fino a quando non saranno terminati dall’utente o da Spotify. Tuttavia, l’utente comprende e accetta che la licenza perpetua concessa in relazione al Contenuto utente, incluso il Feedback, è irrevocabile e continuerà pertanto anche dopo la scadenza o il termine per qualsiasi motivo degli Accordi. Spotify può terminare gli Accordi o sospendere l’accesso al Servizio Spotify da parte dell’utente in qualsiasi momento, compreso nel caso di un uso non autorizzato effettivo o presunto del Servizio Spotify e/o del Contenuto o di mancato rispetto degli Accordi. Qualora l’utente o Spotify terminino gli Accordi, oppure laddove Spotify sospenda l’accesso al Servizio Spotify da parte dell’utente, questi accetta che Spotify non avrà alcuna responsabilità nei suoi confronti e che Spotify non rimborserà alcun importo già pagato dall’utente, nei limiti massimi consentiti ai sensi della legge vigente. Per informazioni sulla chiusura dell’account Spotify, è possibile contattarci mediante il modulo di contatto del Servizio clienti presente nella pagina Informazioni sulla Società. Questa sezione sarà applicata nei limiti massimi previsti dalla legge vigente. L’utente può terminare gli Accordi in qualsiasi momento.

A tale termine sopravvivranno le Sezioni 6, 7, 8, 10, 14, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23 e 24 qui riportate, e qualsiasi altra sezione degli Accordi che, sia esplicitamente che per propria natura, devono rimanere in vigore anche dopo il termine degli Accordi.

17 Garanzia e disconoscimento di responsabilità

SPOTIFY TENTA DI FORNIRE IL MIGLIORE SERVIZIO POSSIBILE, MA L’UTENTE COMPRENDE E ACCETTA CHE IL SERVIZIO SPOTIFY È FORNITO “COSÌ COME È” E “COME DISPONIBILE”, SENZA ALCUNA GARANZIA O CONDIZIONE ESPLICITA O IMPLICITA DI ALCUN GENERE. L’UTENTE UTILIZZA IL SERVIZIO SPOTIFY A PROPRIO RISCHIO. NEI LIMITI MASSIMI PREVISTI DALLA LEGGE VIGENTE, SPOTIFY E TUTTI I PROPRIETARI DI CONTENUTI NON FORNISCONO ALCUNA ASSICURAZIONE E NEGANO QUALSIASI GARANZIA O CONDIZIONE DI QUALITÀ SODDISFACENTE, COMMERCIABILITÀ, IDONEITÀ PER UN PARTICOLARE SCOPO O NON VIOLAZIONE. SPOTIFY E I PROPRIETARI DI CONTENUTI NON GARANTISCONO IN ALCUN MODO CHE IL SERVIZIO SPOTIFY SIA PRIVO DI MALWARE O ALTRI COMPONENTI NOCIVI. INOLTRE, SPOTIFY NON FORNISCE ALCUNA ASSICURAZIONE E NON GARANTISCE, AFFERMA O SI ASSUME LA RESPONSABILITÀ DI QUALSIASI APPLICAZIONE DI TERZE PARTI (O DEL RELATIVO CONTENUTO), CONTENUTO UTENTE O ALTRI PRODOTTI O SERVIZI PUBBLICIZZATI O OFFERTI DA TERZE PARTI SU O TRAMITE IL SERVIZIO SPOTIFY O UN SITO WEB COLLEGATO TRAMITE COLLEGAMENTO IPERTESTUALE O PRESENTATO IN UN BANNER O ALTRA PUBBLICITÀ. L’UTENTE COMPRENDE E ACCETTA CHE SPOTIFY NON È RESPONSABILE DI QUALSIASI TRANSAZIONE TRA UTENTE E FORNITORI TERZE PARTI DI APPLICAZIONI O PRODOTTI DI TERZE PARTI O DI SERVIZI PUBBLICIZZATI SU O TRAMITE IL SERVIZIO SPOTIFY. COME PER OGNI ACQUISTO DI PRODOTTI O SERVIZI TRAMITE QUALSIASI MEZZO O IN QUALSIASI AMBIENTE, L’UTENTE DEVE UTILIZZARE IL PROPRIO GIUDIZIO E PRESTARE CAUTELA OVE APPROPRIATO. A QUESTO PROPOSITO, NESSUN CONSIGLIO O INFORMAZIONE FORNITI IN FORMA ORALE O SCRITTA DALL’UTENTE A SPOTIFY COSTITUIRANNO UNA QUALSIASI FORMA DI GARANZIA PER CONTO DI SPOTIFY. SE VIETATO DALLA LEGGE VIGENTE, ALCUNI ASPETTI DI QUESTA SEZIONE POSSONO NON VALERE IN TALUNE GIURISDIZIONI.

CIÒ NON HA EFFETTI SUI DIRITTI STATUTARI DELL’UTENTE COME CONSUMATORE.

18 Limitazioni

L’UTENTE ACCETTA CHE, NEI LIMITI PREVISTI DALLA LEGGE VIGENTE, IL SOLO E UNICO RIMEDIO PER EVENTUALI PROBLEMI O INSODDISFAZIONI CON IL SERVIZIO SPOTIFY CONSISTE NEL DISINSTALLARE IL SOFTWARE SPOTIFY E SMETTERE DI UTILIZZARE IL SERVIZIO SPOTIFY. ANCHE SE SPOTIFY NON SI ASSUME ALCUNA RESPONSABILITÀ PER APPLICAZIONI DI TERZE PARTI O LORO CONTENUTI, E ANCHE SE IL RAPPORTO CON TALI APPLICAZIONI DI TERZE PARTI PUÒ ESSERE REGOLATO DA ACCORDI SEPARATI CON TALI TERZE PARTI, NEI LIMITI PREVISTI DALLA LEGGE VIGENTE IL SOLO E UNICO RIMEDIO OFFERTO DA SPOTIFY PER EVENTUALI PROBLEMI O INSODDISFAZIONI CON LE APPLICAZIONI DI TERZE PARTI O I LORO CONTENUTI CONSISTE NEL DISINSTALLARE E/O SMETTERE DI UTILIZZARE TALI APPLICAZIONI DI TERZE PARTI.

NEI LIMITI MASSIMI PREVISTI DALLA LEGGE, IN NESSUN CASO SPOTIFY E I SUOI FUNZIONARI, AZIONISTI, DIPENDENTI, AGENTI, DIRETTORI, CONSOCIATE, FILIALI, SUCCESSORI, ASSEGNATARI, FORNITORI O LICENZIANTI POTRANNO ESSERE CONSIDERATI RESPONSABILI DI (1) EVENTUALI DANNI INDIRETTI, SPECIALI, INCIDENTALI, PUNITIVI, ESEMPLARI O CONSEGUENTI; (2) EVENTUALI PERDITE DI USO, DATI, AFFARI O UTILI (SIA DIRETTE CHE INDIRETTE), IN OGNI CASO DERIVANTI DALL’USO O DALL’INCAPACITÀ DI UTILIZZARE IL SERVIZIO SPOTIFY, APPLICAZIONI DI TERZE PARTI O IL CONTENUTO DI APPLICAZIONI DI TERZE PARTI, INDIPENDENTEMENTE DA QUALSIASI TEORIA LEGALE E DAL FATTO CHE SPOTIFY SIA STATA AVVERTITA DELLA POSSIBILITÀ DI TALI DANNI, E ANCHE LADDOVE UN RIMEDIO NON OTTENGA IL RISULTATO PREVISTO; O (3) QUALSIASI RESPONSABILITÀ AGGREGATA PER TUTTE LE RICHIESTE RELATIVE A SERVIZIO SPOTIFY, APPLICAZIONI DI TERZE PARTI O CONTENUTO DI APPLICAZIONI DI TERZE PARTI DI VALORE SUPERIORE AGLI IMPORTI PAGATI DALL’UTENTE A SPOTIFY DURANTE I PRECEDENTI DODICI MESI IN QUESTIONE, NEI LIMITI MASSIMI CONSENTITI DALLA LEGGE VIGENTE.

Nessuna parte degli Accordi elimina o limita la responsabilità di Spotify in caso di frode, travisamento fraudolento, morte o lesioni personali dovuta a sua negligenza e, se richiesto dalla legge vigente, colpa grave. Se vietato dalla legge vigente, alcuni aspetti di questa sezione possono non valere in talune giurisdizioni.

19 Diritti di terze parti

L’utente comprende e accetta che i proprietari del Contenuto e alcuni distributori (ad esempio fornitori di negozi di app) sono beneficiari previsti dagli Accordi e hanno il diritto di applicare gli Accordi direttamente nei confronti dell’utente. A parte quanto stabilito in questa sezione, gli Accordi non sono concepiti per garantire diritti a nessuno, tranne che all’utente e a Spotify, e in nessun caso gli Accordi creeranno alcun diritto di beneficiario per terze parti. Inoltre, i diritti di terminare, rescindere o accettare eventuali variazioni, rinunce o liquidazioni degli Accordi non sono soggetti al consenso di alcuna altra persona.

Qualora abbia scaricato l’app dall’App Store di Apple, Inc. (“Apple”) o in caso di utilizzo dell’app su un dispositivo iOS, l’utente conferma di aver letto, compreso e accettato la seguente informativa su Apple. Questo Accordo viene sottoscritto solo dall’utente e da Spotify, non con Apple, pertanto Apple non è responsabile del Servizio e dei suoi contenuti. Apple non ha alcun obbligo di fornire servizi di manutenzione e supporto in relazione al Servizio. In caso di un malfunzionamento del Servizio nel rispettare qualsiasi garanzia applicabile, è possibile informare Apple e Apple rimborserà all’utente eventuali costi di acquisti applicabili per l’app; inoltre, nei limiti previsti dalla legge vigente, Apple non ha alcun altro obbligo di garanzia di qualsiasi tipo in relazione al Servizio. Apple non è responsabile della risoluzione di eventuali richieste presentate dall’utente o da terze parti in relazione al Servizio o al possesso e/o utilizzo del Servizio da parte dell’utente, compresi in forma non limitativa: (1) reclami per responsabilità del prodotto; (2) reclami secondo cui il Servizio non è conforme ai requisiti legali o normativi vigenti; e (3) reclami presentati ai sensi di norme per la protezione del consumatore o legislazione simile. Apple non è responsabile di indagini, difesa, liquidazione ed estinzione di eventuali reclami di terze parti secondo cui il Servizio e/o il possesso e l’utilizzo dell’app da parte dell’utente viola i diritti di proprietà intellettuale di tali terze parti. Durante l’uso del Servizio, l’utente accetta di rispettare i termini vigenti di terze parti. Apple e le sue consociate sono beneficiari terze parti di questo Accordo e, con l’accettazione dell’Accordo da parte dell’utente, Apple avrà il diritto (e sarà ritenuta come avente accettato il diritto) di applicare questo Accordo nei confronti dell’utente come beneficiario terza parte dell’Accordo. Con il presente l’utente dichiara e garantisce di (1) non avere sede in un Paese soggetto a embargo del governo USA, o che è stato designato Paese che “sostiene il terrorismo” dal governo USA; e (2) non essere presente su alcun elenco di elementi banditi o limitati del governo USA.

20 Intero accordo

Tranne per quanto stabilito in questa Sezione o come esplicitamente concordato per iscritto tra utente e Spotify, gli Accordi costituiscono tutti i termini e le condizioni concordati tra l’utente e Spotify, e sostituiscono qualsiasi accordo precedente in relazione all’argomento di questi Accordi, sia esso scritto o verbale.

Si prega tuttavia di notare che altri aspetti dell’uso del Servizio Spotify da parte dell’utente possono essere regolati da ulteriori accordi. Ciò può comprendere, ad esempio, l’accesso al Servizio Spotify tramite una carta regalo, gratuitamente o per Periodi di prova scontati. Quando riceve un’offerta per tali aspetti del proprio uso, l’utente riceve contestualmente anche gli eventuali accordi aggiuntivi e può usufruire dell’opportunità di accettare i termini aggiuntivi. Alcuni di questi termini aggiuntivi sono elencati sul sito Web di Spotify. Nell’eventualità che esista un conflitto inconciliabile tra termini aggiuntivi e questi Termini, prevarranno i termini aggiuntivi.

21 Separabilità e derogabilità

Tranne ove altrimenti dichiarato negli Accordi, laddove una qualsiasi clausola degli Accordi venga ritenuta non valida o inapplicabile per qualsiasi motivo o a qualsiasi livello, tale invalidità o inapplicabilità non interferirà in alcun modo né renderà non valide o inapplicabili le rimanenti clausole degli Accordi, e l’applicazione di tale clausola sarà imposta nei limiti previsti dalla legge.

Qualsiasi mancanza nell’applicare gli Accordi o relative clausole da parte di Spotify o di beneficiari terze parti non annullerà il diritto di Spotify o del beneficiario terza parte di procedere in tal senso.

22 Assegnazione

Spotify può assegnare gli Accordi o qualsiasi loro parte, e può inoltre delegare qualsiasi obbligo ai sensi degli Accordi. L’utente non può assegnare gli Accordi o qualsiasi loro parte, né trasferire o concedere in sublicenza i propri diritti ai sensi degli Accordi a terze parti.

23 Indennizzo

Nei limiti massimi previsti dalla legge vigente, l’utente accetta di indennizzare e ritenere Spotify indenne da e in relazione a danni, perdite e spese di qualsiasi genere (ivi inclusi ragionevoli costi e onorari di legali) derivanti da: (1) la violazione di questo Accordo da parte dell’utente; (2) qualsiasi Contenuto utente; (3) qualsiasi attività in cui l’utente si impegna o esegue tramite il Servizio Spotify; e (4) la violazione di qualsiasi legge o dei diritti di una terza parte a opera dell’utente.

24 Scelta di giurisdizione, arbitrato obbligatorio e corte

24.1 Legge/giurisdizione competente

Tranne ove altrimenti richiesto ai sensi di una legge obbligatoria di uno stato membro dell’Unione Europea o altra giurisdizione, gli Accordi (ed eventuali controversie/reclami non contrattuali derivanti da o correlati a tali Accordi) sono soggetti alle leggi dello stato o del Paese indicato nell’elenco che segue, indipendentemente da scelta o conflitti di principi di legge.

Inoltre, l’utente e Spotify concordano di assegnare ai tribunali del seguente elenco la competenza per la risoluzione di eventuali controversie, reclami o controversie derivanti dall’applicazione degli Accordi (ed eventuali controversie/reclami non contrattuali derivanti da o collegati a tali Accordi). (In alcuni casi, tale competenza sarà “esclusiva”, a indicare che l’argomento non potrà essere giudicato da tribunali di nessun altro Paese; è competente; in altri casi, la competenza sarà “non esclusiva”, a indicare che possono essere competenti anche i tribunali di altri Paesi. Queste differenze sono indicate nella tabella.)

Paese Legge da adottare Competenza
Polonia, Italia Leggi svedesi Esclusiva; tribunali del Paese locale
Turchia Leggi svedesi Non esclusiva; tribunali e altre corti della Repubblica Turca
Brasile Leggi brasiliane Esclusiva; tribunali statali e federali di San Paolo, Stato di San Paolo, Brasile
Canada Leggi della provincia dell’Ontario Esclusiva; tribunali dell’Ontario, Canada
Stati Uniti, Argentina, Bolivia, Cile, Colombia, Costa Rica, Repubblica Dominicana, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panama, Paraguay, Perù, Uruguay Stato della California, Stati Uniti Esclusiva; tribunali statali e federali della Contea di San Francisco, CA, o di New York, NY
Estonia, Hong Kong, Lettonia, Lituania Leggi svedesi Non esclusiva; tribunali svedesi
Spagna Legge spagnola Esclusiva; tribunali del domicilio attuale del consumatore in Spagna.
Tutti gli altri Paesi Leggi svedesi Esclusiva; tribunali svedesi

Spotify non accetta come obbligatori codici di condotta in relazione ai servizi forniti ai sensi di questi Accordi.

24.2 RINUNCIA AL DIRITTO DI CLASS ACTION

OVE CONSENTITO AI SENSI DELLA LEGGE VIGENTE, L’UTENTE E SPOTIFY CONCORDANO CHE CIASCUNO POTRÀ PRESENTARE RICHIESTE NEI CONFRONTI DELL’ALTRO SOLO NELLA PROPRIA VESTE INDIVIDUALE E NON COME UN RICORRENTE O MEMBRO DI UNA CLASS ACTION IN QUALSIASI CLASSE PRESUNTA O AZIONE RAPPRESENTATIVA. Tranne ove concordato da utente e Spotify, nessun arbitro o giudice potrà consolidare le richieste di più di una persona o altrimenti presiedere a qualsiasi forma di procedimento rappresentante o di classe.

24.3 ARBITRATO

Qualora l’utente sia ubicato, abbia sede/uffici o svolga attività in una giurisdizione in cui la presente Sezione 24.3. non è applicabile, all’utente in questione si applicano le seguenti clausole di arbitrato obbligatorie:

24.3.1 Risoluzione e arbitrato di controversie

L’utente e Spotify concordano che qualsiasi causa, reclamo o controversia tra utente e Spotify derivante da o relativa in qualsiasi modo a questi Accordi o al rapporto dell’utente con Spotify in veste di utente del Servizio (sia in base a un contratto, torto, statuto, frode, travisamento o qualsiasi altra teoria legale e indipendentemente dal fatto che tali reclami sorgano durante o dopo il termine degli Accordi) saranno risolti mediante un arbitrato individuale vincolante obbligatorio. L’arbitrato è più informale di un’azione legale in tribunale. NELL’ARBITRATO NON SONO PRESENTI GIUDICE O GIURIA, E L’ESAME DELLA CORTE IN UN LODO ARBITRALE È LIMITATO. Durante un arbitrato possono essere fatte scoperte più limitate che in tribunale. Il giudice dell’arbitrato deve rispettare questo accordo e può concedere gli stessi danni e provvedimenti di un tribunale (compresi gli onorari dei legali), ma non può assegnare provvedimenti dichiaratori o ingiuntivi a beneficio di terzi diversi dalle parti coinvolte nell’arbitrato in questione. Questo clausola sull’arbitrato sopravvivrà al termine degli Accordi.

24.3.2 Eccezioni

Fatta salva la clausola (24.3.1) precedente, l’utente e Spotify concordano che nulla di quanto qui stabilito potrà escludere, precludere o altrimenti limitare i nostri diritti, in qualsiasi momento, di (1) portare avanti un’azione individuale in un tribunale per liti minori degli, (2) perseguire azioni di imposizione attraverso agenzie federali, statali o locali competenti degli ove tali azioni sono disponibili, (3) richiedere un provvedimento ingiuntivo presso un tribunale, o (4) ricorrere al tribunale per risolvere un reclamo per violazione di proprietà intellettuali.

24.3.3 Regole dell’arbitrato

L’utente o Spotify possono dare inizio a procedimenti di arbitrato. L’eventuale arbitrato tra utente e Spotify sarà risolto secondo le regole di arbitrato della International Chamber of Commerce (“ICC”) in vigore al momento (e “Regole ICC”) da uno o più arbitri incaricati in conformità con le Regole ICC, come modificate da questi Accordi, e sarà gestito dalla International Court of Arbitration di ICC.

L’eventuale arbitrato sarà condotto in lingua inglese e, tranne ove altrimenti richiesto da una legge obbligatoria di uno stato membro dell’Unione Europea o di qualsiasi altra giurisdizione, la legge da applicare in tale arbitrato sarà quella dello Stato della California, Stati Uniti, indipendentemente da scelta o conflitti di principi di legge.

24.3.4 Tempistica di presentazione

Un eventuale arbitrato deve essere iniziato con la presentazione di una domanda per arbitrato entro UN (1) ANNO dalla data in cui la parte che presenta il reclamo viene o dovrebbe ragionevolmente venire a conoscenza dell’atto, dell’omissione o della mancanza che dà origine a tale reclamo; inoltre non deve esservi alcun diritto ad altro rimedio per eventuali reclami non presentati entro tale periodo di tempo. Laddove la legge vigente proibisca di limitare a un anno il periodo per la presentazione dei reclami, l’eventuale reclamo deve essere presentato nel minor lasso di tempo consentito dalla legge vigente.

24.3.5 Notifica; Procedimento

La parte che intende richiedere un arbitrato deve prima inviare una notifica scritta della controversia all’altra parte mediante posta certificata o Federal Express (la firma è obbligatoria) oppure, laddove Spotify non disponga dell’indirizzo fisico dell’utente nei propri archivi, mediante posta elettronica (“Notifica”). L’indirizzo di Spotify per le notifiche è: Spotify, Attn: General Counsel, 45 W. 18th Street, 7th Floor, New York, New York 10011, USA. La Notifica deve (1) descrivere la natura e le basi del reclamo o della controversia; e (2) definire lo specifico provvedimento richiesto (“Domanda”). Spotify si impegna a fare ogni sforzo possibile in buona fede per risolvere il reclamo direttamente, ma in caso di mancato accordo in tal senso entro 30 giorni dal ricevimento della Notifica, l’utente o Spotify potranno dare inizio a un procedimento di arbitrato. Durante l’arbitrato, l’importo di un’eventuale offerta di accordo presentata dall’utente o da Spotify non dovrà essere rivelato all’arbitro fino a quando questi non avrà preso una decisione e una sentenza finali, ove pertinente. Laddove la controversia sia infine risolta tramite arbitrato a favore dell’utente, Spotify pagherà all’utente (1) l’importo stabilito dall’arbitro, se pertinente, (2) l’ultimo importo previsto nell’accordo scritto e offerto da Spotify per risolvere la disputa prima della sentenza del’arbitro; o (3) 1.000 dollari USA, quale che sia l’importo superiore tra questi. Tutti i documenti e le informazioni divulgati nel corso dell’arbitrato devono essere tenuti strettamente riservati dal destinatario e non devono essere utilizzati da questi per alcun scopo oltre a quelli dell’arbitrato o di applicazione della relativa decisione e sentenza, e non devono essere divulgati tranne che sulla fiducia a persone che hanno una reale esigenza di conoscerli per tali scopi o come richiesto dalla legge vigente. Tranne per quanto richiesto al fine di applicare la decisione e la sentenza dell’arbitro, né l’utente né Spotify dovranno rilasciare pubblicamente alcun annuncio o commento, né pubblicizzare l’arbitrato, comprese in forma non limitativa l’esistenza di una controversia tra le parti, l’esistenza dell’arbitrato o qualsiasi decisione o sentenza dell’arbitro.

24.3.6 Modifiche

In caso di eventuali future modifiche a questa clausola sull’arbitrato da parte di Spotify (a eccezione di eventuali modifiche all’indirizzo di notifica di Spotify), l’utente potrà respingere tali modifiche inviando una comunicazione scritta entro 30 giorni dalla data della modifica all’indirizzo di notifica di Spotify; in questo caso, l’account dell’utente presso Spotify sarà terminato immediatamente mentre questa clausola di arbitrato sopravvivrà nella forma in vigore immediatamente prima del rifiuto delle modifiche da parte dell’utente.

24.3.7 Applicabilità

Qualora la rinuncia alle class action della Sezione 24.2 risulti essere inapplicabile nell’arbitrato, o qualunque parte della Sezione 24.3 risulti inapplicabile, l’intera Sezione 24.3 sarà considerata nulla e annullata, e in questo caso le parti concordano che la sede di competenza esclusiva descritta nella Sezione 24.1 regolerà qualsiasi azione derivante da o correlata agli Accordi.

25 Contatti

Per eventuali domande sul Servizio Spotify o gli Accordi, gli utenti sono pregati di contattare l’assistenza clienti di Spotify visitando la sezione Informazioni sulla Società del nostro sito Web.

Qualora risieda in California, l’utente può richiedere che gli Accordi siano inviati in formato elettronico inviando una lettera a Spotify, Attn: General Counsel, 45 West 18th Street, 7th Floor, New York, New York 10011, USA, indicando il proprio indirizzo e-mail e specificando la richiesta di invio degli Accordi. Inoltre, ai sensi del Codice civile della Sezione 1789.3, per risolvere un reclamo riguardante il servizio o per ricevere ulteriori informazioni sull’uso del servizio è possibile contattare per iscritto la Complaint Assistance Unit della Division of Consumer Services del California Department of Consumer Affairs all’indirizzo 1625 N. Market Blvd., Suite S-202, Sacramento, California 95834, oppure telefonicamente al numero 1-800-952-5210.

Grazie per aver letto i nostri Termini. Speriamo che apprezziate l’uso di Spotify!

Entità aggiudicatrice:

Spotify AB
Birger Jarlsgatan 61, 113 56 Stockholm
Sweden
SE556703748501

© Spotify AB.